Igiene Farmacie Trasporto centro qaulita vita

 banner 300x250

banner ge 2018

phonzie asmri 20160329.png

 

001 002 003 004 005 006 007 008 009 010 011 012

La pelle riveste l' intera superficie corporea e rappresenta una barriera di protezione e un mezzo di comunicazione con l' esterno. Essa è costituita da tre strati: l' epidermide, che ha essenzialmente funzione di protezione; il derma, molto resistente e poco deformabile, ha il compito di fornire il sangue e l' ossigeno; il sottocutaneo, infine, è formato da tessuto adiposo e costituisce un “cuscinetto isolante” e una riserva calorica a cui attingere nei periodi di digiuno.


ustioni piccole feriteLa pelle svolge anche azione di termoregolazione, mediante la produzione di sudore e ci relaziona con l' ambiente esterno grazie alle sue terminazioni sensoriali (stimoli termici, tattili e dolorifici).
Purtroppo gli incidenti non sono infrequenti, sopratutto in età pediatrica, e spesso il farmacista, nell' esercizio della sua attività quotidiana, si trova a dare consigli su come medicare le lesioni della cute.

Le piccole ustioni

Le ustioni sono fra gli incidenti domestici più frequenti, data l' abbondanza dei fattori di rischio: fornelli, forni, ferri da stiro, pentole e caffettiere, sostanze chimiche impiegate per la pulizia.
Le ustioni vengono classificate in base alla gravità: lesioni di I, II, e III grado.
Quelle di I grado, di comune riscontro in farmacia, sono lievi e caratterizzate da vasodilatazione e arrossamento locale. Prima di tutto è necessario porre la parte interessata sotto un getto di acqua fredda o in una bacinella con acqua e ghiaccio. Evitare rimedi estemporanei come l' applicazione di olio perché impedisce la traspirazione e la zona colpita non si raffredda.
Se si sono formate le vescicole sierose e sono intatte, evitare di bucarle per non provocare infezioni.
Dopo il primo trattamento, procedere alla medicazione applicando una crema a base di cortisone e antibiotico, creme o garze contenenti acido ialuronico o prodotti a base di anestetici locali.

Le ferite

Il tipo di ferita può essere diverso:
• ferite da taglio: determinate da strumenti con margini taglienti (coltelli, lamette ecc..). L' estensione è limitata e spesso sono profonde.
• ferite da punta: dovute alla penetrazione di oggetti acuminati (chiodi, punteruoli). Estensione limitata, profonde.
• Ferite lacero-contuse: Dai margini irregolari, frequenti nell' infanzia, provocate durante la corsa, o dalla bicicletta o dai pattini. Quelle da morso di animale meritano particolare attenzione per l' alto rischio di infezioni.
• Ferite da lama: sono prodotte da strumenti dotati di lama (taglierini, pialle) e presentano il distacco di un piano cutaneo dal piano sottostante.

LA MEDICAZIONE

1- Pulizia accurata della ferita e asportazione di eventuali corpi estranei (sassolini, pezzi di vetro). Si consiglia, a questo scopo, una irrigazione con con soluzione fisiologica.

2 - Se la ferita continua a sanguinare, è utile esercitare una compressione diretta sulla stessa con una garza sterile.

3- Si applica un antisettico:
• acqua ossigenata: deterge e asporta i tessuti morti con la sua tipica effervescenza (ottima per escoriazioni dei bambini).
• Polivinilpirrolidone iodio: su cute intatta o su piccole lesioni, ha un'efficacia ad ampio spettro.
• Soluzioni di ipoclorito di sodio: dissolvono il tessuto necrotico e controllano gli odori.
• Benzalconio cloruro: proprietà germicidi, detergenti e cheratolitiche.

Raramente è richiesta l'applicazione di antibiotici per uso topico.

4- Proteggere la ferita; la medicazione ideale deve garantire:
• il giusto grado di umidità, che favorisce la cicatrizzazione, evitando però la macerazione;
• L'isolamento termico (l'ipotermia rallenta la cicatrizzazione);
• che la lesione sia al riparo dalla polvere e da prodotti tossici;
• lo scambio gassoso di ossigeno, anidride carbonica e vapore acqueo: buoni livelli di ossigeno favoriscono la cicatrizzazione.
• Rimozione facile e indolore.

La medicazione che viene posta a contatto con la ferita deve essere sterile.
Mai mettere del cotone idrofilo a diretto contatto con la ferita, altrimenti si rischia che le sue fibre rimangano imbrigliate nel coagulo in formazione.
Se i margini della ferita tendono a divaricarsi, è possibile riavvicinarli utilizzando delle sottili strisce di cerotto (steri strip) utilizzati in alcuni casi al posto del filo di sutura. Un' altra possibilità è rappresentata dal collante tessutale, molto utilizzato nel Pronto Soccorso, che può essere applicato però solo a ferite superficiali, lineari e non molto estese.

A cura della Dr.ssa Chiara Falcocchio

 

Farmacia ASM 1 Farmacia ASM 2 Farmacia ASM 3 Farmacia ASM 4
Viale Matteucci, 10
Rieti
Tel. 0746.251703
P.zza Angelucci, 21
Rieti
Tel. 0746.497019
Via Don Mario D'Aquilio
S. Rufina di Cittaducale
Tel. 0746.694099
Via Martiri delle Fosse
Reatine, 7 - Rieti
Tel. 0746.491383

A.S.M. Rieti SpA

Via donatori di sangue n.7
02100 Rieti (RI)
P.IVA 00852040575
Tel 0746.25641
Fax 0746.200740
Email info@asmrieti.it
PEC segreteria.asmrieti@pcert.postecert.it

numeroverdetrasp

pagina facebook di ASM